La France, très restrictive avec les immigrés

La polémique a émergé après la déportation de la kosovare Leonarda Dibrani avec une solution de normes minimales qui permet à leur retour en cas de demande, mais pas celle de sa famille, situé dans le centre du débat, la politique d’immigration française, l’une des plus restrictives de l’Union Européenne.

Le 12 octobre 2010, les députés français ont approuvé un projet de loi controversé sur l’immigration, qui a facilité l’expulsion de citoyens de la communauté qui n’ont pas de ressources propres, tout en mettant en place les mesures nécessaires pour permettre la fermeture des camps de roms.

Lire la suite

L’Italia e la sua politica sugli immigrati

Le due storie verificarsi quasi lo stesso tempo e, anche non avendo a priori relazione tra loro, contribuiscono a disegnare un ritratto inquietante di Italia. Un 11-anno-vecchia ragazza, figlia di un medico di sirius, muore a bordo di un barcone affollato di persone provenienti dall’Africa, perché i trafficanti hanno gettato a mare lo zaino in cui ha indossato la necessaria di insulina per curare il diabete. Non si può pensare in il porno italiano. La seconda storia si svolge a Roma, ma è identico a quello che si è verificato in Treviso (regione Veneto) poche ore prima, o che è stato registrato in tutto il paese per mesi decine di vicini di casa —jaleados da parte di gruppi di estrema destra fronte a shock con la polizia per evitare i relitti del Mediterraneo, per essere collocata, anche temporaneamente, sul lato del case.

Le due storie sono uniti dalla paura, le mafie e la cattiva gestione. Il primo di essi è stato nelle notizie per la terribile crudeltà della mafia e il suo esito drammatico, ma quello che è vero è che gli sbarchi di immigrati provenienti dalla Libia è ancora accadendo quotidiana, senza la quale l’Unione Europea ha cercato anche una soluzione. Delle misure di emergenza promesso, dopo la tragedia di Lampedusa (ottobre 2013) e Catania (aprile 2015) non si sa nulla, e entrambi i trafficanti libici come la mafia italiana a trarre profitto dalla vivace attività di host (più di 30 euro per i figli di immigrati e giorno) per continuare a beneficiare la disperazione dei più deboli.

Lire la suite